Perito Industriale Marco De Santis

Studio Tecnico MDS

Amministratore Condominiale

Energie rinnovabili

Contattaci

Galleria

I nostri servizi

Studio Tecnico MDS

 Amministrazione Condominiale

Ogni condominio è gestito in piena trasparenza migliorando la comunicazione tra amministratore, condomino e fornitore . Oltre alle comunicazioni cartacee inviate tramite posta ordinaria, ogni singolo condomino avrà accesso (con credenziali proprie) ad un portale web esclusivo del proprio condominio visualizzando tutti i documenti (bilanci, verbali, regolamenti, fatture, etc.), avvisi, segnalazioni, registro di contabilità; il tutto sempre aggiornato. Ogni condominio inoltre avrà una bacheca virtuale in cui scrivere le proprie osservazioni ,domande e lamentele.

 Energie rinnovabili

Tecnologie avanzate per la produzione di energia nel rispetto dell’ambiente

Impianti fotovoltaici

Progettiamo e realizziamo impianti fotovoltaici di qualsiasi potenza sia connessi in rete che ad isola, per la produzione e l’accumulo di energia elettrica.

Mineolico

Offriamo impianti adatti a soddisfare un fabbisogno domestico o per piccole imprese, che richiedono spazi limitati e sono in grado di funzionare anche a regimi ventosi ridotti.
Solo un professionista del settore può garantire tali servizi e soprattutto verificare con la direzione dei lavori, che l’impianto sia installato bene, nel rispetto nelle normative vigenti e che duri nel tempo.

 Perito Industriale in Elettrotecnica ed automazione industriale

Segnalato da Mister Imprese Lo Studio Tecnico De Santis ha operato e opera con clientela riconducibile alla grande distribuzione, ipermercati, industria siderurgica, terziario (edifici direzionali, commerciali), imprese artigiane di vario genere e tipologia, urbanizzazione di aree ex industriali, illuminazione pubblica, edifici scolastici, luoghi di culto, impianti sportivi, agenzie bancarie, abitazioni civili, edifici condominiali. Il nostro studio ha esperienza nella progettazione di Impianti Fotovoltaici per abitazioni civili di piccole dimensioni (fino a 20Kwp), impianti su edifici commerciali e industriali di media potenza (fino a 1Mw) e campi fotovoltaici (superiori al Mw).

 Perché rivolgersi ad un perito industriale?

Il perito industriale è un professionista che lavora in moltissimi ambiti ed è specializzato nelle tecnologie elettriche e energie rinnovabili come gli impianti fotovoltaici. Rispetto alle aziende installatrici che non hanno un progettista interno, riesce a proporre al committente una vasta gamma di servizi utili all’innovazione, al miglioramento della qualità della vita con l’ausilio della tecnologia.

 Quando è obbligatorio redigere un progetto per l’impianto elettrico?

Per il D.M. 37/08 i progetti devono essere redatti da professionisti iscritti all’albo e suddivide le varie tipologie di impianti elettrici di nuova realizzazione e di ampliamento:
  • Per tutte le utenze condominiali e per utenze domestiche di singole unità abitative aventi potenza impegnata superiore a 6 kW o per utenze domestiche di singole unità abitative di superficie superiore a 400 mq;
  • Impianti elettrici realizzati con lampade fluorescenti a catodo freddo, collegati ad impianti elettrici, per i quali è obbligatorio il progetto e in ogni caso per impianti di potenza complessiva maggiore di 1200 VA resa dagli alimentatori;
  • Impianti di cui relativi agli immobili adibiti ad attività produttive, al commercio, al terziario e ad altri usi, quando le utenze sono alimentate a tensione superiore a 1000 V, inclusa la parte in bassa tensione, o quando le utenze sono alimentate in bassa tensione aventi potenza impegnata superiore a 6 kW o qualora la superficie superi i 200 mq;
  • Impianti elettrici relativi ad unità immobiliari provviste, anche solo parzialmente, di ambienti soggetti a normativa specifica del CEI, in caso di locali adibiti ad uso medico o per i quali sussista pericolo di esplosione o a maggior rischio di incendio, nonché per gli impianti di protezione da scariche atmosferiche in edifici di volume superiore a 200 mc;
  • Impianti di cui relativi agli impianti elettronici in genere quando coesistono con impianti elettrici con obbligo di progettazione;
Ovviamente sono stati presi in esame i soli requisiti per gli impianti elettrici, ma vale la stessa norma per gli impianti a gas, di riscaldamento e condizionamento.

 Affitti e/o locazioni

Il nostro Studio per la gestione degli affitti e/o locazioni provvede a:
  • Stipulare contratti di locazione;
  • Richiedere agli inquilini i canoni di locazione e gli oneri accessori relativi alle unità immobiliari locate (nei termini previsti dalle normative vigenti) e gli eventuali depositi cauzionali;
  • All’adeguamento dei canoni di locazione secondo gli indici ISTAT annuali;
  • A sollecitare eventuali insoluti, sino all’invio di raccomandata a.r.;
  • Alla predisposizione dei conteggi di conguaglio annuale delle spese della gestione condominiale;
  • All’emissione di estratti conto mensili da inviare alla Proprietà con l’indicazione di quanto incassato dagli inquilini e, se del caso, di quanto speso nel mese in questione;
  • Cura della manutenzione ordinaria dell’immobile;
  • All’invio di disdetta per finita locazione da sottoporre alla firma della Proprietà;
  • In caso di necessità, a seguire l’eventuale azione legale nei confronti dell’inquilino;

 Galleria

News

Studio Tecnico MDS

VALVOLE TERMOSTATICHE E MINI-CONTATORI, IL CONDOMINO NON PUÒ RIFIUTARE L’INSTALLAZIONE

Corte Appello Trento: obbligo di far entrare i tecnici in casa se il condominio ha deliberato gli interventi di adeguamento
05/09/2016 – Il condomino non può negare ai tecnici l’ingresso per installare sui termosifoni le valvole termostatiche e i sistemi di contabilizzazione del calore deliberati dall’assemblea condominiale.

Lo ha deciso la Corte d’Appello di Trento con la sentenza 134/2016.

Nel caso preso in esame, l’Assemblea condominiale aveva deliberato a maggioranza l’acquisto di una nuova caldaia comune e l’installazione di un sistema di contabilizzazione e telelettura del calore consumato dai singoli condòmini su ogni termosifone installato negli appartamenti.

Dopo aver consentito l’installazione delle valvole termostatiche sui termosifoni del suo appartamento, un condòmino si era invece opposto all’apposizione dei mini-contatori per rilevare il consumo di calore.

Secondo il condòmino, la delibera condominiale doveva essere assunta all’unanimità, non solo a maggioranza.

I giudici hanno dato ragione al condominio, che con la delibera aveva voluto adeguarsi ai nuovi obblighi di legge. Si tratta di una trasformazione tecnica che rientra nel potere decisionale del condominio e che, secondo la Corte, non necessita dell’unanimità.

Per questo motivo, è stato stabilito che l’accesso dei tecnici non lede nessun diritto soggettivo del condòmino, ma va considerato necessario al completamento degli interventi deliberati.

Contabilizzatori del calore obbligatori entro fine anno
Ricordiamo che, in base al Decreto Legislativo 141/2016, che integra il D.lgs. 102/2014 con cui l’Italia ha recepito la Direttiva 2012/27/UE sull’efficienza energetica, i condomìni alimentati dal teleriscaldamento o teleraffrescamento, o da impianti centralizzati e comuni di riscaldamento e raffrescamento, entro il 31 dicembre 2016 devono installare contatori in grado di ripartire le spese in base ai consumi reali degli utenti, come previsto dalla norma UNI 10200.

Anche negli appartamenti è obbligatorio installare le valvole termostatiche e i minicontatori entro il 31 dicembre 2016. La responsabilità dell’installazione è dei proprietari degli appartamenti, che in caso di inadempimento saranno multati a meno che l’installazione non sia tecnicamente impossibile.
... Leggi di piùLeggi di meno

Guarda in Facebook

Antisismica, i tecnici puntano sul ‘Fascicolo del fabbricato’

Fascicolo del fabbricato: la proposta dei Periti Industriali
I Periti Industriali sottolineano l’importanza che il Fascicolo del fabbricato abbia valore certificativo e non una valenza puramente descrittiva.

Inoltre propongono un sistema standardizzato di analisi, studiato in collaborazione con il Politecnico di Milano, che consente di determinare l’attribuzione di indici di efficienza,con metodi oggettivi e comparati, e di avere quindi un quadro immediato della situazione di ciascun immobile con particolare riferimento agli aspetti di sicurezza.

Giampiero Giovannetti, Presidente dei Periti industriali, ha dichiarato che “i dati raccolti e la loro attenta lettura consentono di verificare con attenzione le priorità d’intervento ma soprattutto di individuare le criticità complessive del patrimonio edilizio sia pubblico che privato”.

Inoltre Giovannetti ha ribadito la disponibilità a collaborare con il Governo per arrivare in tempi rapidi “ad una definizione completa del sistema di certificazione relativo alla sicurezza degli immobili”.
... Leggi di piùLeggi di meno

Guarda in Facebook

Scale condominiali

È arrivata a questa conclusione la Corte di Cassazione, che con la sentenza 7704/2016 ha spiegato che l’elenco dei beni condominiali riportato nell’articolo 1117 del Codice Civile, in cui sono annoverate le scale, non è tassativo, ma solo esemplificativo.

Nella maggior parte dei casi le scale sono un bene comune perché utilizzate da tutti i condòmini per accedere agli appartamenti. In qualche caso, però, sono usate solo da un condomino, che può quindi effettuare su di esse degli interventi o impedire che il condominio realizzi dei lavori.

La Cassazione ha espresso questo parere esaminando la controversia sorta tra due soggetti. Il primo abitava in un condominio e aveva acquistato due locali situati al piano terra di una palazzina attigua. Tra i due edifici esisteva un passaggio, con una scala che serviva solo per accedere ai due locali.

La palazzina attigua, in cui erano presenti i due locali, era di proprietà di una banca, che aveva realizzato una serie di opere, alcune delle quali impedivano al proprietario di accedere ai locali.

Dopo diversi gradi di giudizio, la Cassazione ha dato ragione al proprietario dei locali che rivendicava il suo diritto di passaggio e accesso alle sue proprietà. Le scale sono state quindi dichiarate di sua proprietà esclusiva e sono state sottratte dall’insieme dei beni comuni della palazzina. La banca ha dovuto quindi rimuovere le opere realizzate sulla scala.
edilportale
... Leggi di piùLeggi di meno

Guarda in Facebook

LE NOSTRE REALIZZAZIONI IMPIANTI FOTOVOLTAICI ... Leggi di piùLeggi di meno

Guarda in Facebook

CONTABILIZZATORI DI CALORE

In Gazzetta Ufficiale il decreto che introduce multe fino a 2500 euro per chi non installa i dispositivi e non ripartisce le spese in base ai consumi.
Sarà obbligatorio installare sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore individuali. La responsabilità dell’installazione è dei proprietari degli appartamenti, che in caso di inadempimento saranno multati con una sanzione amministrativa da 500 a 2500 euro per ogni unità immobiliare.

Se dalla relazione tecnica di un progettista emerge che l’installazione non è possibile, perché non conveniente in termini di costi, non sarà applicata nessuna multa a chi non si adegua.
EDILPORTALE
... Leggi di piùLeggi di meno

Guarda in Facebook

Studio De Santis Amministrazioni condominiali ha aggiunto un avvenimento importante datato 13 luglio: 200 MI PIACE. ... Leggi di piùLeggi di meno

200 MI PIACE

Guarda in Facebook

Riqualificazione energetica, Enea: ‘istituire un Fondo per i condomìni’

Un Fondo pubblico per finanziare gli interventi di efficientamento energetico nei condomìni. È l'idea che Enea e Gestore dei servizi energetici (GSE) hanno lanciato al convegno “Le leve per l’efficienza energetica tra finanza pubblica ed investimenti privati”, organizzato a Roma nell’ambito degli Stati Generali dell’Efficienza energetica.

La proposta consentirebbe la riqualificazione profonda dei condomìni superando la barriera dei nuclei familiari che non possiedono le risorse per effettuare gli interventi. Gli amministratori di condominio potrebbero infatti accedere al Fondo per pagare, al posto dei singoli proprietari, la Energy Service Company (ESCo) che realizza i lavori. Al Fondo verrebbe assegnato l’ecobonus del 65% per gli interventi di efficientamento energetico, che si trasformerebbe in un credito di imposta a vantaggio della ESCo. I costi residui dei lavori sarebbero ripagati attraverso risparmi nei consumi energetici: i proprietari continuerebbero a pagare la stessa ‘bolletta’ che pagavano prima dei lavori ma, grazie al risparmio energetico ottenuto con gli interventi, solo una parte andrebbe al fornitore di energia; la parte restante verrebbe "intascata" dalla ESCo, che così si ripagherebbe l'investimento.
edilprtale.
... Leggi di piùLeggi di meno

Guarda in Facebook

AFFITTI
Bressana Bottarone centro ,diversi tre locali circa 80mq, in palazzina di recente ristrutturazione, cosi composti:
Ingresso nel soggiorno con ampio balcone, cucina a vista, camera singola, camera matrimoniale e bagno.
Ottime rifiniture interne, luminosi,antifurto , riscaldamento a pavimento, tapparelle elettriche , aria condizionata.ampio box con basculante elettrica e cantina .Prezzo affitto : 400€/mese
PER INFO:0383898325
... Leggi di piùLeggi di meno

Guarda in Facebook

IMPIANTI FOTOVOTAICI E CATASTO
Con la circolare 27/E, pubblicata nei giorni scorsi, il Fisco ha spiegato che, in generale, per le installazioni fotovoltaiche realizzate su edifici e su aree di pertinenza di fabbricati o unità immobiliari non esiste l’obbligo di accatastamento come unità immobiliari autonome.

In questo caso i pannelli vengono assimilati agli impianti di pertinenza degli immobili.

Impianti fotovoltaici sui capannoni
Se gli impianti fotovoltaici sono di pertinenza di unità immobiliari a destinazione speciale e particolare, censite al catasto edilizio urbano nelle categorie dei gruppi D e E (capannoni, alberghi, ospedali, stazioni per servizi di trasporto ecc.), si ha l’obbligo di dichiarare la variazione se l’impianto aumenta il valore capitale dell’unità immobiliare di una percentuale almeno pari al 15%.

Per capire quando si verifica un aumento del valore capitale bisogna prendere in considerazione le componenti immobiliari rilevanti, cioè il suolo (in caso di impianti a terra) o l’elemento strutturale (solaio o copertura) su cui sono ancorati i pannelli fotovoltaici, la presenza di locali tecnici che ospitano i sistemi di controllo e trasformazione, eventuali recinzioni.
... Leggi di piùLeggi di meno

Guarda in Facebook

Contatti

Studio Tecnico MDS

Dove siamo

Informazioni

Per.Ind. Marco De Santis

Via Depretis, 84
27042 Bressana Bottarone (PV)
Tel./Fax 0383 898325

P.IVA 02238270181
C.F. DSNMRC78T28G388L

Seguici su facebook
Seguici su Google+
Seguici su linkedin

Contattaci

I commenti e le domande sono bene accetti.

* Indicatore campi obbligatori